Beauty

Beauty

2 January 2018

Pilastri Skincare: come idratare la pelle

idratazione

Una skincare routine viso è fatta di tre passaggi: detersione, trattamento e idratazione. Questi tre step, con i prodotti giusti, sono sufficienti a mantenere la pelle in condizione sana o a correggere ciò che invece non ci soddisfa (questo rientra nello step “trattamenti” scegliendo prodotti contro l’acne, contro le irritazioni, contro le rughe, eccetera). Poi per ogni passaggio si possono aggiungere ulteriori piccoli step, come appunto succede nella routine asiatica che suddivide il primo in due fasi e così via. Ma la base per far funzionare il tutto sono decisamente il primo e l’ultimo passaggio. Nel precedente post ho descritto la prima fase, la detersione, come togliere make up e lavare il viso senza compromettere la naturale barriera lipidica della nostra pelle. Qui vi parlo dell’ultimo step, l’idratazione.

Per prima cosa ci vuole un po’ di teoria: cosa significa idratare? Significa portare acqua dentro la nostra pelle. Esistono però due condizioni diverse: possiamo avere la pelle secca o la pelle disidratata. Che sembrerebbe la stessa cosa ma non lo è. Avere la pelle secca significa una pelle che mette in evidenza rughette, non polposa, che solleva le pellicine, che è secca in superficie, come la terra secca quindi. Avere la pelle disidratata invece è una condizione che può coesistere anche con la pelle grassa. Si può essere molto oleose, avere acne o brufoletti e contemporaneamente essere disidratati. Anzi succede molto spesso, soprattutto che chi sta curando l’acne possa avere la pelle disidratata perché utilizza prodotti che seccano molto.

La pelle disidratata ha una carenza di acqua, quindi dobbiamo idratarla facendo arrivare più acqua. La pelle secca necessita invece di emollienti (e anche di acqua di solito). Questa è la differenza in inglese tra hydrate e moisturize, che da noi viene tradotto purtroppo per forza di cose sempre con “idratare”. Hydrating products sono quelli che apportano acqua mentre quelli moisturizing sono quelli emollienti.

Cosa sono gli EMOLLIENTI? Sono sostanze che rendono la pelle più flessibile, lisciandola e facendola apparire più uniforme. Si tratta di oli vegetali – tutti gli oli come ad esempio olio di argan, olio di avocado, olio di oliva o squalane e così via – delle ceramidi e anche i siliconi (che poi non piacciano per altri motivi è un altro discorso ma questo fanno e per questo li mettono nei prodotti, perché “ammorbidiscono”). Vi metto la lista degli emollienti in inglese perché è così che li troverete scritti generalmente negli INCI dei prodotti: plants oil, cholesterol, ceramides, ceramidin, stearate, oleate, butter, (silicones).

Altre sostanze che troviamo spesso nei prodotti definiti “idratanti” sono gli OCCLUSIVI/occlusives (idratanti è tra virgolette perché questi non sono affatto ingredienti idratanti), i principali sono: petrolatum, paraffin, mineral oil, dimethicone, lanolin, shea butter, waxes.

Queste sostanze servono a bloccare l’acqua all’interno della nostra pelle e fanno in modo che non evapori. Quindi una crema che contiene solo o in alta percentuale queste sostanze non idraterà, farà in modo che l’acqua che avete già nella pelle non fuoriesca ma non ne porterà di nuova. Gli occlusivi non sono in sé ingredienti negativi, anzi è molto utile non far evaporare l’acqua. Se abbiamo la pelle normale una crema occlusiva potrebbe essere persino sufficiente (anche se sempre meglio utilizzare qualcosa in più). Non lo sarà però sicuramente per una pelle disidratata, secca o a tendenza acneica. Uno dei prodotti occlusivi più famosi che mi viene in mente è la crema Embryolisse. Qui si aprono  diversi problemi con questa e moltissimi altri prodotti simili in commercio: spacciare una crema occlusiva per una idratante è un po’ una bugia. Alla quale si aggiunge che gli ingredienti occlusivi contenuti sono spesso oli minerali, petrolatum e paraffina. Ora, ognuno di noi può farsi un’opionione personale sul voler scegliere prodotti naturali o meno. Gli oli minerali in sé non fanno male, se non all’ambiente (che per me non è poco), però non fanno neanche bene. L’Embryolisse (sempre come esempio-metafora di prodotti simili) può essere un’ottima base trucco che non vi farà risucchiare dal viso tutte le gocce d’acqua contenute nel vostro fondotinta e quindi favorirà una buona resa del trucco, infatti molti make up artist la consigliano, però sicuramente non potrà mai far risollevare le sorti della vostra pelle secca. E se l’avete grassa può essere anche troppo pesante. Un’altra questione sugli oli minerali è che come ingredienti costano pochissimo a chi produce il prodotto. Perciò se la vostra crema con petrolatum in seconda posizione INCI costa 50 Euro beh, chiedetevi se li vale davvero. Almeno l’Embryolisse costa poco.

Ma arrivo finalmente alla nocciuolo della questione, l’IDRATAZIONE. Idratazione significa apportare acqua (bere di più serve sempre eh!) ma nei prodotti skincare le sostanze che aiutano davvero a “idratare” sono gli UMETTANTI/humectants: questi agiscono come piccole spugne appoggiate sulla nostra pelle che contribuiscono a mantenerla bagnata. Sono umettanti: glycerin, sorbitol, glycols, PCA, hyaluronic acid (acido ialuronico), aminoacids, urea, collagen, alpha hydroxy acids (i fantastici e miei preferiti forevaaah AHA, ovvero glycolic e lactid acid). Sono quindi più che altro questi gli ingredienti che dovete cercare in un prodotto se volete maggiore idratazione e che davvero servono a idratare in profondità.

Quindi ricapitolando:

  • pelle disidratata – che è una condizione transitoria che può derivare da diversi fattori tra cui anche cattiva alimentazione, carenza di sonno, stress, eccetera –> utilizzare prodotti contenenti umettanti
  • pelle secca, ma preferisco dire pelle tendente al secco perché se utilizzi prodotti giusti dopo non sarà più “secca” –> utilizzare umettanti, emollienti e anche occlusivi (preferibilmente naturali come gli oli) come ultimo step della routine
  • pelle disidratata e grassa: umettanti + occlusivi non comedogeni o troppo pesanti opppure oli naturali (cercare quelli non comedogeni, assolutamente no all’olio di cocco, ad esempio)
  • per tutti i tipi di pelle: idratante con umettanti + un olio naturale come emolliente è sempre un’ottima tattica perché gli oli 100% naturali e spremuti a freddo (cercate solo quelli con questa dicitura, no a profumo e altre robe dentro) contengono antiossidanti e sono ricchi di vitamine e altre sostanze che fanno bene anche per altri motivi, vedi anti-invecchiamento.

Ecco alcuni esempi di creme idratanti semplici e fatte bene che servono come ultimo step della routine (come la scorsa volta ho preferito indicare per iniziare quelle con un buon prezzo ma chiaramente per fortuna ce ne sono anche molte altre e anche più fancy). Di solito i prodotti che contengono i migliori umettanti però non sono nelle creme idratanti dell’ultimo step ma sono inseriti in sieri, toner, maschere, esfolianti. Per questo sono fondamentali i TRE step: detersione, trattamento e idratazione. E per questo vi servirà anche un secondo step anche per l’idratazione, ad esempio aggiungendo un siero con acido ialuronico, o un esfoliante AHA, o una crema con ceramidi (consiglio al volo secondo step: acido ialuronico di NIOD, AHA di The Ordinary e crema Ceramidin di Dr Jart+ che trovate da Sephora).

KLAIRS Rich Moisturizing Soothing Cream (coreana):

Già citata nel mio post sulla routine coreana, questa crema l’ho utilizzata per tutto il 2017, sono al secondo tubetto. Dunque posso consigliarvela con cognizione di causa.

“This rich cream promotes immediate and long-term moisture through a nourishing formula for sensitive skin. Enriched with yeast-derived beta glucan, jojoba oil, and ceramides, it works to strengthen your skin’s protective barrier, rescuing dry and irritated skin, while improving its natural cell repairing capabilities. Recommended for all skin types, especially sensitive”.

klairs-rich-moist-soothing-cream

MUJI Moisturing Milk – Moisture (giapponese ma distribuita anche in Italia)

Sapete che Muji ha una sua linea di skincare? E sapete che è anche ottima? In particolare la linea bianca, quella sensitive. Trovate anche un tonico ottimo. Questa crema è un’idratante semplice e senza pretese ma fatta bene e con ottimi ingredienti. L’ho appena presa anch’io. Non è corposa ma un po’ liquida, come un latte appunto. La confezione è minimal ma carina e costa pochissimo.

muji-moistuzing-milk

 

COSRX Oil-free Ultra Basic Moisturizer (coreana)

Come consiglio generico diffidate da qualsiasi cosa abbia scritto sopra oil-free, in particolare proprio se avete la pelle grassa. Ma le eccezioni ci sono e COSRX non delude praticamente mai. In wishlist anche per me insieme alla Rice Sleeping Mask che dicono essere altrettanto ottima ed è una crema notte non una “maschera”.

COSRX-Oil-Free-Ultra-Moisturizing-Lotion-2_grande

LA ROCHE- POSAY TOLERIANE Ultra Soin De Nuit

Non tutto di La Roche-Posay mi piace ed effettivamente fa ciò che dice. Troppi prodotti contengono ingredienti inutili o che non amo ma questa crema è semplice, fatta bene ed effettivamente idratante. E la trovate facilmente. C’è scritto che è per la notte ma è leggera perciò usatela pure anche di giorno. A patto che poi – come anche per tutte le altre che ho citato- ne applicate un’altra con protezione solare. Perché l’SPF è praticamente il 50% del vostro anti-invecchiamento dopo i 30.

toleriane

Comunque ribadisco, in un mare di finti idratanti si trovano anche vari buoni idratanti in giro, non come i detergenti che sono davvero eccezioni. Bisogna sempre controllare gli ingredienti. Vi suggerisco anche questo elenco di Beautypedia dove trovate diverse creme idratanti, anche con SPF per il giorno. Si tratta del sito dei prodotti di Paula’s Choice che sono praticamente tutti ottimi e che consiglio sicuramente. Le recensioni positive di quel sito si basano però solo su prodotti che non contengono fragranza, profumo sintetico ma anche naturale come gli oli essenziali (lavanda, arancio, eccetera), perché li ritengono ingredienti irritanti. Sono un po’ intransigenti su questo. La questione come sempre è molto soggettiva. Il profumo in un prodotto potrebbe non darvi fastidio affatto, anzi potreste volerlo, lo stesso vale per gli oli essenziali delle creme ecobio o naturali. Io mi trovo un po’ nel mezzo, gli oli essenziali spesso non li amo e il profumo generalmente tendo ad evitarlo come ingrediente in alto nell’INCI. Ma ci sono sempre eccezioni e l’unica è… PROVARE per sé, vedere come va e poi decidere.

    facebooktwittergoogle_pluspinterest

TAGS:

6 comments

  1. Erica, grazie un sacco. Sono al 1 giorno di Embryolisse e confermo che come base trucco spacca.
    In ogni caso prima ci metterò il siero all’acido ialuronico di Equilibra che ti invito ad andare a vedere perché é universalmente considerato ottimo.
    Se un giorno hai voglia e tempo, un focus sulle soluzioni SPF (crema, spray, varie ed eventuali) proposte nel mondo sarebbe graditissimo perché non sono mai riuscita a farmi una cultura in merito.

    gynepraio Reply
    • Il siero mi sembra un’ottima idea!
      Anche con gli SPF in effetti è un po’ complicato trovare prodotti che proteggano e contemporaneamente non siano pesanti o occlusivi. Come dritta veloce, quelli asiatici sono i migliori e li trovi anche a pochissimo.

      Erica Blue Reply
  2. Ciao enrica :) Grazie mille per i lunghissimi (e apprezzati ) post sull’argomento beauty 😀
    Volevo un consiglio possibilmente : io uso questa crema idratante per il giorno http://mandescript.blogspot.it/2015/03/kiehls-rare-earth-pore-minimizing-lotion.html

    ho la pelle che tende a lucidarsi dopo pochissimo e grassa. Non mi sembra sia malvagia no? Mi ci trovo bene davvero e dura un eternità.
    Anche il tonico sempre all’argilla della stessa linea era valido ( o almeno sembrava) come risultato ma ora uso uno della corsx che hai consigliato :)

    Paola Reply
    • Ciao Paola, guarda la migliore valutazione personale per qualsiasi prodotto è sempre la propria, perciò se ti trovi bene tu, continua a usarla.
      Così sulla carta mi sembra un po’ pesante, è piena di siliconi e occlusivi, potrebbe non aiutare la tua pelle grassa a riequilibrarsi e tendere ancora più a lucidarsi. Prova a vedere se continui ancora a lucidarti e a essere troppo oleosa.
      Bene per il tonico COSRX, è quello BHA + AHA? Lo uso ancora anch’io!

      Erica Blue Reply
  3. Ciao Erica, grazie davvero per questo post perchè l’ho trovato seriamente illuminante (insieme al precedente sulla detersione).
    Avresti qualche crema da consigliare per una pelle disidratata e grassa al tempo stesso? Ho provato a cercare un po’ su internet una crema che avesse gli ingredienti che hai indicato ma non ho trovato nulla.
    Grazie mille e buona domenica!

    Sara Reply
    • Ciao Sara e grazie!
      Come idratanti quelle che ho segnalato qui nel post vanno bene per qualsiasi tipo di pelle. Poi dipende da che tipo di trattamento cerchi, con la pelle grassa intendi che si lucida o magari devi anche tenere a bada brufoletti, punti neri o acne? Per questo non basterebbe un’unica crema. Per ribilanciarla soltanto invece già un detergente e un’idratante diversa potrebbero invece già essere un buon inizio. Per consigliare altri prodotti specifici è difficle anche non sapendo se li vuoi acquistare in negozio, online dall’estero oppure in Italia, se vanno bene anche coreani, il budget che vuoi destinare, eccetera. Ci sono tante diverse variabili!

      Erica Blue Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *